Carta di Identita’ Elettronica

  • Servizio attivo

Carta di Identita' Elettronica


A chi è rivolto

La C.I.E. verrà rilasciata al richiedente nei seguenti casi:
  • prima richiesta di carta d'identità;
  • carta di identità precedente scaduta;
  • carta di identità precedente rubata, smarrita o deteriorata.
I cittadini già in possesso di una Carta di Identità Elettronica possono richiedere un nuovo documento SOLO alla scadenza prevista della carta.

Descrizione

La Carta di Identità Elettronica (CIE) è il documento d’identità emesso dal Ministero dell’Interno e prodotto dal Poligrafico e Zecca dello Stato che, grazie a sofisticati elementi di sicurezza e anticontraffazione, permette l’accertamento dell’identità del possessore e l’accesso ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni sia in Italia che nei Paesi dell’Unione Europea.
Oltre ad accertare l’identità del titolare, la CIE è dotata anche di una componente elettronica che – grazie all’adozione delle più avanzate tecnologie disponibili e in conformità alla normativa europea – rappresenta l’identità digitale del cittadino.
I cittadini possono accedere ai servizi online aderenti con le credenziali CIE in maniera semplice e veloce; in funzione del servizio richiesto dal cittadino, l’autenticazione può avvenire attraverso 3 livelli di autenticazione a sicurezza crescente:
  • livello 1: accesso mediante una coppia di credenziali (username e password),
  • livello 2: l’accesso prevede, in aggiunta alle credenziali di livello 1, l’impiego di un secondo fattore o meccanismo di autenticazione che certifichi il possesso di un dispositivo (es. codice temporaneo OTP, scansione QR code),
  • livello 3: è richiesto l’utilizzo di lettore o uno smartphone dotato di tecnologia NFC per la lettura della CIE.
Scopri di più sui livelli 1 e 2 e sul livello 3.
Inoltre, la CIE può essere utilizzata tramite l’app CieSign come strumento di firma elettronica avanzata (FEA) consentendo ai cittadini di firmare agevolmente documenti elettronici.

Come fare

La C.I.E. può essere richiesta all’Ufficio Anagrafe negli orari di apertura al pubblico, ESCLUSIVAMENTE SU APPUNTAMENTO da fissare con congruo anticipo.

Cosa serve

Per accedere al servizio, assicurati di avere:

  • Persona maggiore di anni 18: precedente carta d'identità o, in mancanza, valido documento di riconoscimento (esempio: patente di guida); tessera sanitaria; n. 1 fototessera recente dello stesso tipo di quelle usate per il passaporto (senza occhiali, con sfondo bianco); ricevuta dell’avvenuto pagamento di € 22,00 (vedere paragrafo "Quanto costa" e modalità di pagamento)
  • SOLO PER I CITTADINI DI STATI APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA (maggiore di anni 18): documento di viaggio in corso di validità (passaporto, carta di identità) rilasciato dallo stato di appartenenza
  • SOLO PER I CITTADINI DI STATI NON APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA: permesso di soggiorno e passaporto, entrambi in corso di validità
  • SOLO IN CASO DI FURTO O SMARRIMENTO DELLA PRECEDENTE CARTA DI IDENTITÀ denuncia all'autorità di Pubblica Sicurezza (Questura o Carabinieri); la denuncia è necessaria anche in caso di deterioramento del documento, quando non sia possibile restituire il documento deteriorato
  • Persona minorenne: precedente carta d'identità (se posseduta); tessera sanitaria; n. 1 fototessera recente dello stesso tipo di quelle usate per il passaporto (senza occhiali, con sfondo bianco); ricevuta dell’avvenuto pagamento di € 22,00 (vedere paragrafo "Quanto costa" e modalità di pagamento); (IN CASO DI DOCUMENTO VALIDO PER L'ESTERO): dichiarazione di assenso all'espatrio reso da entrambi i genitori o dall'unico esercente la potestà o dal tutore (munito di atto di nomina), resa secondo il modulo scaricabile da questa pagina. SE UNO DEI DUE GENITORI NON POTRA’ ESSERE PRESENTE ALLO SPORTELLO sarà sufficiente che sottoscriva il modulo e lo trasmetta assieme alla fotocopia di un valido documento di identità. I minorenni possono ottenere la carta di identità fin dalla nascita.

Cosa si ottiene

La Carta di Identità Elettronica

Tempi e scadenze

La C.I.E. ha validità rispettivamente:
  • triennale: per minori di 3 anni
  • quinquennale: dai 3 ai 18 anni
  • 9 anni più i giorni intercorrenti fra la data della richiesta e la data di nascita per tutti gli altri
In ogni caso, la data di scadenza del documento corrisponderà con la data del compleanno del titolare.
La CIE rilasciata a cittadini impossibilitati temporaneamente al rilascio delle impronte digitali ha una validità di 12 mesi dalla data di emissione del documento.

Quanto costa

La CIE costa al richiedente € 22,00 di cui:
€ 16,79 per il ristoro delle spese di gestione sostenute dallo Stato;
€ 5,21 per diritti fissi e di segreteria.
Il pagamento potrà essere effettuato anticipatamente con PagoPA: attraverso il portale mypay (inserire la causale “emissione carta d’identità elettronica”).
LA RICEVUTA DELL’AVVENUTO PAGAMENTO DOVRÀ ESSERE ESIBITA ALLO SPORTELLO IL GIORNO DELL’APPUNTAMENTO.
NON SI ACCETTERANNO CONTANTI NE’ ULTERIORI FORME DI PAGAMENTO DIVERSE DA QUELLA DESCRITTA.

Accedi al servizio

Puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

L’Ufficio Anagrafe NON provvederà al rilascio immediato della C.I.E. in quanto il documento sarà spedito, a cura del Ministero dell’Interno, tramite posta raccomandata all’indirizzo indicato dal richiedente, entro circa 6 giorni lavorativi dall’invio della richiesta.
NON POTRANNO OTTENERE LA CARTA DI IDENTITÀ VALIDA PER L'ESPATRIO:
- i richiedenti che dichiarano situazioni di impedimento all'espatrio;
- coloro che non hanno la cittadinanza italiana.
CONSERVAZIONE DELLE IMPRONTE
All’interno del microchip della Carta di Identità Elettronica sono memorizzati in maniera sicura i dati personali e biometrici del titolare: la foto, le impronte digitali e le informazioni che ne consentono l’identificazione online.
La presenza delle impronte digitali è importante per accertare in modo univoco l’identità del titolare del documento, questo rende la CIE uno strumento sicuro e protetto da ogni tentativo di contraffazione o furto d’identità.
La rilevazione delle impronte digitali è prevista per ciascun cittadino che abbia almeno 12 anni di età.
A differenza degli altri dati presenti sul microchip, le impronte digitali sono accessibili solo alle Autorità di controllo che abbiano specifiche autorizzazioni. Non c’è modo di leggere le impronte digitali né tramite un computer collegato a un lettore di smartcard né attraverso uno smartphone.
Le impronte digitali, registrate in sicurezza all’interno della CIE e non memorizzate in altre banche dati, non rappresentano un sistema di schedatura, ma una forma di tutela dell’identità fisica e digitale del cittadino, con l’obiettivo di contrastare il rischio di sostituzione di persona e il furto d’identità.
DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI
Durante la pratica di rilascio della Carta di Identità Elettronica, il cittadino può dichiarare la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti.
Dopo l’emissione della CIE, se il cittadino decide di cancellare la dichiarazione di volontà potrà esercitare il diritto in materia di protezione dei dati personali (artt. 15 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679) e l’operatore del Comune potrà supportarlo seguendo la procedura indicata.
Per ricevere ulteriori informazioni, contattare l’assistenza progetto comuni inviando un’e-mail all’indirizzo: progettocomuni.cnt@iss.it.
CODICI DI SICUREZZA PIN E PUK
Alla CIE sono associati due codici di sicurezza, il PIN (Personal Identification Number) e il PUK (Personal Unblocking Number).
Il PIN e il PUK della CIE hanno le stesse funzioni del PIN e del PUK della SIM di un cellulare:
  • il PIN è necessario per abilitare l’accesso ai servizi digitali online;
  • il PUK è necessario per sbloccare il PIN (bloccato dopo tre inserimenti consecutivi di codice errato) e per impostarne uno nuovo.
La prima metà dei codici PIN e PUK è contenuta nella ricevuta cartacea fornita dall’operatore al termine della richiesta di rilascio della CIE.
La seconda metà, necessaria per completarli, è invece fornita al cittadino con la lettera di accompagnamento presente nella busta con cui riceve la CIE.
Il cittadino deve unire le due metà e conservare con cura i due codici così ottenuti.
In caso di smarrimento del codice PIN, è possibile impostare uno nuovo PIN utilizzando il codice PUK, da smartphone mediante l’app CieID e da PC mediante il Software CIE.
In caso di smarrimento del codice PUK, è possibile recuperarlo seguendo le istruzioni nel sito del Ministero dell’Interno
https://www.cartaidentita.interno.gov.it/info-utili/recupero-puk/

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2
Inserire massimo 200 caratteri